(IN) Netweek

MILANO

Cos’è che rende uguali gli italiani? Il malcostume L’amico del popolo di Roberto Poletti

Share

Falsi invalidi, gente (italiani ed extracomunitari) che incassa assegni non dovuti dichiarando il falso, assenteisti nella pubblica amministrazione, furbetti vari che non pagano il biglietto sui mezzi pubblici e che cercano di scaricare sulla collettività costi che non vogliono pagare. Al Nord come al Sud.

Basta prendere in mano un giornale qualsiasi per rendersi conto della vastità di un fenomeno, il malcostume, che ha davvero unito l'Italia. In questo quadro desolante e senza via d'uscita, dove il primo pensiero del mattino per molta gente è quello di fregare il prossimo, con quale coraggio ci lamentiamo di una classe politica (quella sprecona di Roma ma anche quella che si annida nelle nostre Regioni e nei Comuni) che, in fondo, ci rappresenta più che degnamente?

E' giusto prendersela con i Papponi di Stato e condannarli sui giornali e nelle discussioni che si fanno al bar. Perché si devono vergognare. Ma è altrettanto doveroso mettere in piazza gli affari sporchi dell'uomo qualunque. Se qualcuno si è fregato un assegno sociale, dobbiamo pretendere di conoscere nome e cognome del lazzarone. Perché tutti quelli che sbagliano o cercano di fare i furbi hanno diritto ai loro cinque minuti di celebrità. Così poi la prossima volta ci pensano due volte prima di rubare.

Leggi tutte le notizie su "Como7"
Edizione digitale

Autore:plt

Pubblicato il: 20 Maggio 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.